Patologie

Parametri vitali
Temperatura: 36° C (Gradi Centigradi) – temperatura rettale in stato di attività (97.2°F = 36.05°C)
Battito Cardiaco: range dai 200 ai 300 battiti/minuto in piena attività
Respirazione: range dai 16 ai 40 respiri al minuto

radio1

Per constatare un eventuale stato febbrile nel petauro si può appoggiare il “fondoschiena” dell’animale su una parte sensibile della nostra pelle, ad esempio sotto il polso, e rilevare la differenza di calore rispetto a noi. Iniziare preventivamente a monitorare la temperatura del petauro significa avere un “termometro umano” più preciso in caso di necessità.
Indici di benessere dell’animale sono: occhio limpido, pelo morbido, lucente e non maleodorante, coda vaporosa, musetto umido, ottimo equilibrio motorio e coordinazione, defecazione regolare e urina limpida.

Cure
I petauri non richiedono vaccinazioni, ma è opportuno effettuare una visita dal veterinario subito dopo l’acquisto e in seguito fare delle visite periodiche di controllo.
I petauri provvedono alla loro pulizia da soli quindi non è necessario lavarli.
Il contatto con le sbarre della gabbia affila le unghie del petauro creando il classico “uncino”, la presenza dei rami all’interno della gabbia ne favorisce il consumo, se ciò non dovesse bastare si possono accorciare tagliandone la puntina con delle forbici per gatti così da evitare che feriscano la pelle quando vengono tenuti in mano.

Patologie

radio

Solitudine
I petauri in natura abitano in grandi comunità e la compagnia dei loro simili è essenziale per la loro sopravvivenza, è quindi sconsigliabile acquistare un singolo esemplare a meno che non si abbia la possibilità di dedicargli almeno due ore al giorno. Anche in questo caso però non sarebbe per lui come avere la compagnia di un suo simile. Una coppia di petauri, sia di sesso opposto che dello stesso sesso, creano un legame unico tra di loro; si aiutano a vicenda, giocano e dormono sempre insieme e il decesso di uno dei due nella maggior parte dei casi sviluppa uno stato di depressione e solitudine nell’animale che sopravvive da portarlo a sua volta alla morte.

Problemi Dentali
Diete basate su alimenti di consistenza troppo morbida e vischiosa o troppo ricchi di carboidrati possono causare al petauro problemi ai denti.

Obesità – diarrea – dissenteria – costipazione
Il petauro necessita di un’alimentazione basata su cibi poco grassi e ricchi di fibre, se invece vengono seguite diete sbilanciate e ipercaloriche ne derivano problemi quali l’obesità e disturbi intestinali.
In caso di diarrea o dissenteria è opportuno controllare la presenza di sangue nelle feci e procedere poi ad un’analisi completa.
Femmine obese o che ricevono un’alimentazione troppo ricca di grassi e proteine generano cuccioli con occhi completamente bianchi o con macchie bianche circoscritte, che con il tempo si espandono fino a causare la cecità del soggetto.

Stress e disordini mentali
Questi problemi possono aggravarsi fino a portare ad automutilazioni, cannibalismo e uccisioni della prole; possono essere risolti spostando il petauro in ambienti più tranquilli, meno di passaggio, lontani da luce naturale, non disturbandolo troppo di giorno e assicurandogli assoluta privacy se sta crescendo i cuccioli.

Linfoma Cutaneo
È un tumore della pelle ed è la forma di neoplasia più comune del Petauro in cattività.

Infezioni
I petauri non sono soggetti ad infezioni di alcun genere, ma potrebbero presentarsi se vengono a contatto con altri animali, ma se per esempio cani e gatti sono vaccinati non dovrebbero esserci problemi.

Malattie Parassitarie
Alcuni parassiti gastrointestinali, come gli ancilostomi, solitamente presenti nei cani e gatti sono stati trovati anche nei petauri, un esame delle feci permette di verificarne la presenza.

Ipocalcemia
I petauri sono soggetti alla paralisi degli arti posteriori che li porta inevitabilmente alla morte. Questo problema è spesso causato dalla mancanza di calcio nell’alimentazione che porta ad una perdita di massa dell’osso, in particolare delle anche, e ne aumenta la fragilità. Può essere conseguenza anche di periodi di difficoltà, come ad esempio quando un petauro si muove in ambienti nuovi che non conosce a sufficienza.

Cecità / Cataratte
Il contatto diretto con la luce solare può causare in maniera immediata e permanente danni alla retina.
Un’alimentazione con esubero di grassi può provocare in età avanzata la cataratta. Questo pericolo viene amplificato nelle femmine gravide che hanno un maggiore bisogno di proteine e grassi, ripercuotendosi poi sui cuccioli che soffriranno dello stesso disturbo.

 

Controllo della Salute

Idratazione
Date le piccole dimensioni, il petauro può andare incontro a disidratazione molto velocemente. Per controllare lo stato dell’animale si solleva una plica di pelle dal dorso con l’indice ed il pollice e la si rilascia, se la pelle torna normale quasi immediatamente la situazione è regolare, se invece fa fatica a tornare al suo stato normale il petauro è disidratato.

Occhi
Gli occhi sani sono neri, brillanti, vigili, di veloce risposta, non appannati e senza chiazze bianche.

Naso
Un naso sano è di colore rosa ed umido ed il respiro è regolare, se invece l’animale dovesse respirare male e rumorosamente è meglio portarlo da un veterinario.

Orecchie
L’orecchio deve essere libero da intoppi e non deve essere presente nessun tipo di sporcizia.

Zampe
Le zampe del petauro sono di colore rosa, bisogna controllare con cura le dita che possono facilmente danneggiarsi.
Se si decide di tagliare le unghie all’animale è necessario prestare particolare attenzione al capillare dell’unghia, se venisse casualmente tagliato si deve fermare l’emorragia tamponando.

Mantello
Un mantello sano è liscio e senza chiazze con assenza di pelo, esclusa la “pelata” caratteristica dei maschi.

 


Documentazione disponibile:
Caring_for_SugarGliders.pdf
Sugar_glider_Comparison_of_Commonly_Used_Diets.pdf
Common_Diseases_of_mammals.pdf
Australian_Mammals_biology_and_captive_management.pdf

Approfondimenti:
1. Henry, S.R.; Suckling, G.C.: A review of the ecology of the sugar glider. Possums and Gliders, (P.A. Smith; I.D. Hume, eds.). Australian Mammal Society, Sydney, 1984; pp 355-358.
2. Dunn, R.W.: Gliders of the genus Petaurus: their management in zoos. The management of Australian mammals in captivity, (D.D.Evans, ed.). Ramsay Ware Stockland Pty. Ltd., North Melbourne, Australia, 1982; pp 82-84.
3. Strahan, R.: The Mammals of Australia. Reed Books, Chatswood, Australia. 1995.
4. Johnson-Delaney, C. A.: The marsupial pet: Sugar gliders, exotic possums, and wallabies. Proc. Assoc. Avian Vet., 1998; pp 329-339.
5. Smith, M.J.: The reproductive system and paracloacal glands of Petaurus breviceps and Gymnobelideus leadbeateri (Marsupialia: Petauridae). Possums and Gliders, (P.A. Smith et al, eds.). Australian Mammal Society, Sydney, 1984; pp 321-330.
6. Grzimek, B.; Ganslosser, U: Ringtails and gliders. Grzimek’s Encyclopedia of Mammals, Volume 1. (B. Grzimek ed.). McGraw-Hill Publishing Company, New York, N.Y., 1990; pp 312-324.
7. Buttery, R.G. et al: Vascular and avascular retinae in mammals. A funduscopic and fluoroscein angiographic study. Brain Behav. Evol. 35(3):156-175; 1990.
8. Tyndale-Biscoe, H.; Renfree, M.: Reproductive Physiology of Marsupials. Cambridge University Press, Cambridge, U.K., 1987.
9. Nowak, R.M.: Walker’s Mammals of the World, 5th Ed. Vol. 1. The John Hopkins University Press, Baltimore, Md, 1991. pp74-76.
10. Booth, R.J.: General husbandry and medicine of sugar gliders. Kirk’s Current Veterinary Therapy XIII. W.B. Saunders, Philadelphia, PA, In press.
11. MacPherson, C.: Sugar Gliders (A Complete Pet Owner’s Manual). Barron’s Educational Series, Inc., Hong Kong, 1997.
12. Booth, R.J.: Medicine and Husbandry: Dasyurids, Possums, and Bats. Proc. 233 Wildlife Post. Grad. Comm. Vet. Sci. University of Sydney, 1994; pp 423-441.
13. Holz, P.: Immobilization of marsupials with tiletamine and zolazepam. J. Zoo Wildl. Med. 23(4):426-428; 1992.
14. Johnson-Delaney, C.A. Sugar Gliders. Supplement: Exotic Companion Medicine Handbook for Veterinarians, Wingers Publishing, Lake Worth, Fla, 1997; pp 17-23.
15. Ness, R.D. 1998. Introduction to sugar gliders. North Am. Vet. Conf. Proc., Orlando, Fla, 1998; pp 864-865.
16. Hough, I., et al: Cutaneous lymphosarcoma in a sugar glider. Aust. Vet J. 69 (4):93-94; 1992.
17. Johnson, S.D.: Orchiectomy of the mature sugar glider (Petaurus breviceps). Exotic Pet Practice 2 (9):71; 1997.
18. Tyndale-Biscoe, C.H.: Reproductive physiology of possums and gliders. Possums and Gliders, (P.A. Smith et al, eds.). Australian Mammal Society, Sydney, 1984; pp 79-87.
19. Pye, G.W., and J. W. Carpenter: A guide to medicine and surgery in sugar gliders. Vet. Med. October 1999; pp 891-905.

Torna Su